La prima missione in memoria di Marco

7 Giugno 2019

 

Il sogno di Marco sta davvero iniziando a realizzarsi!

Lo scorso mese Matteo, volontario storico e consigliere del CCM, si è recato in Sud Sudan per fare un sopralluogo all’Ospedale di Tonj e verificare la situazione dell’impianto idraulico. La sua missione ha coinciso con un periodo delicato per il Sud Sudan: il personale ospedaliero da qualche mese non è più stipendiato direttamente dalle organizzazioni non governative, bensì dallo Stato. Questo cambiamento ha provocato ritardi, tagli e mancati versamenti di compensi ed è sfociato in un lungo periodo di sciopero del personale sanitario che (finalmente!) sta ottenendo riscontri positivi. 

Nonostante la situazione, il sopralluogo è stato portato a termine con successo.

Il limite più grande che Matteo ha riscontrato è la mancanza di pressione che impedisce il corretto scorrimento dell’acqua nei rubinetti. Ad aggravare lo scenario si aggiungono svariati buchi nei tubi, rubinetti rotti o inesistenti e lavandini non collegati ai tubi. Come Matteo ci indica nel video, un “lavandino fantasma” si trova proprio nella sala pre operatoria, dove i medici dovrebbero lavarsi le mani e sterilizzare gli strumenti per affrontare un intervento. Nella sala parto, invece, è posizionata una piccola tanica d’acqua con una bacinella al posto del lavandino. 

I tank dell’ospedale, al momento posti uno a terra e uno rialzato, verranno posizionati entrambi alla quota più elevata in modo da ottimizzare la pressione nella rete di distribuzione. Nelle prossime settimane si raccoglieranno preventivi per l’intervento di innalzamento e rafforzamento della struttura in acciaio che sorregge i tank. 

Allo stesso tempo verranno chiesti i preventivi per decidere chi si occuperà di procurare il materiale per costruire le due linee di distribuzione dell’acqua per arrivare ad avere un circuito ad anello esterno e una linea secondaria. La realizzazione del sistema di scarico che convoglierà l’acqua sporca in una fossa settica o un pozzetto disperdente verrà per il momento rimandata, ma rimarrà tra le priorità. Per tamponare l’assenza verranno costruiti dei punti di distribuzione dell’acqua all’esterno di ogni latrina.

Il pozzo del compound è stato svuotato per verificare la velocità di riempimento dell’acqua della falda acquifera alla quale è collegato. Nel frattempo la qualità dell’acqua è stata analizzata: è risultata a norma e stabilito soltanto che la pompa manuale del pozzo verrà sostituita da una pompa alimentata a fotovoltaico.

Dopo aver confrontato i preventivi e deciso il piano operativo, Francesco e Matteo torneranno a Tonj per montare le linee di distribuzione dell’acqua. Vi terremo aggiornati!

Scopri le altre News

Commenti all’articolo

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Comitato Collaborazione Medica è un’associazione che da 50 anni coinvolge medici, personale sanitario e comunità, in Africa e in Italia, per promuovere e assicurare il diritto alla salute, a tutti.

Sorrisi di madri africane è la campagna del Comitato Collaborazione Medica.

Indirizzo

Via Ciriè 32/E - 10152 Torino

Telefono

011 66 02 793 - 351 911 88 04