L'arca della salute

Consultorio_Attivit_mamme_CCM_45.JPG

Servizi, operatori e utenti.
Insieme per il diritto alla salute della fasce più deboli

Obiettivo generale del progetto - realizzato in partenariato con l’ASL To1 e grazie al sostegno della Fondazione CRT - è promuovere e sostenere la salute delle mamme e dei bambini e la salute degli adolescenti, con particolare attenzione alle fasce deboli della popolazione e ai migranti.

Gli obiettivi specifici del progetto sono:
- supportare il lavoro degli operatori sociali che lavorano con madri straniere;
- aggiornare e potenziare le competenze interculturali degli operatori del consultori pediatrici e dei pediatri di libera scelta;
- coinvolgere i giovani in attività che approfondiscono i temi relativi all’adolescenza;
- sostenere la salute e la consapevolezza di donne e madri, italiane e straniere.

Attività:

1. Esperienze e saperi si incontrano
Percorso di formazione gratuito rivolto agli operatori sociali dell’ASL To1 che lavorano con donne e madri straniere. I temi trattati, alternando lezioni frontali a spazi di discussione su casi pratici portati dagli operatori stessi, saranno il lavoro con le madri straniere, i diversi modelli educativi e di maternage, l’allattamento e lo svezzamento.

2.  Seminario per il personale dell’ASL To1
Rivolto agli operatori del consultorio pediatrico e ai pediatri di libera scelta dell’ASL To1 per un approfondimento sui bisogni e le criticità di chi lavora con famiglie straniere.

3. Laboratorio di Teatro dell’Oppresso
Per operatori e ragazzi tra 14 e i 18 anni, il laboratorio utilizza il linguaggio universale del teatro per indagare e trasformare la realtà. Lo scopo è coinvolgere attivamente gli adolescenti e, al tempo stesso, avvicinare gli operatori a questa metodologia di lavoro in grado di fornire gli strumenti per un cambiamento, sia personale che sociale, a partire dai conflitti, piccoli e grandi, che attraversano la nostra quotidianità.

4. Vicini fin dalla nascita
Ciclo di 4 incontri gratuiti per mamme con bimbi da 0 a 1 anno.
Medici e infermieri, con il supporto di una mediatrice culturale araba e nigeriana, parleranno di alimentazione, sicurezza in casa, primi interventi in caso d’incidenti e prime cure per i disturbi più frequenti.