Improving Digital Health Literacy in Europe

Search_sito.jpg

Nell’era del web 2.0 sempre più persone si servono della rete per ricercare e acquisire informazioni legate alla salute. Tuttavia, navigare su internet, riconoscere, filtrare e selezionare le informazioni attendibili e scientificamente valide non è facile e richiede competenze (sanitarie, tecnologiche, comunicative, etc.) che ancora pochi hanno. Il divario nell’alfabetizzazione sanitaria digitale – intesa come la capacità di ricercare, trovare e valutare informazioni inerenti la salute da fonti elettroniche e di applicare le conoscenze acquisite per prendere decisioni appropriate sulla salute – è ancora molto alto, tra e all’interno dei vari paesi Europei. 

Il progetto ha identificato 5 gruppi di popolazione - bambini, adolescenti, donne in gravidanza/puerpere, anziani e pazienti affetti da diabete - come particolarmente vulnerabili alle insidie del web o non ancora sufficientemente versatili per sfruttarne al meglio le potenzialità, al fine di migliorare le proprie condizioni di salute.
Obiettivo del progetto è aumentare nei cittadini europei la consapevolezza delle opportunità offerte dagli strumenti di E-health e di rafforzare le loro competenze nell’utilizzo delle nuove tecnologie di informazione e comunicazione per scopi sanitari.

Si procederà innanzitutto ad analizzarne gli attuali atteggiamenti e comportamenti in ciascuno dei paesi coinvolti. Successivamente, coinvolgendo direttamente i beneficiari nella co-progettazione, saranno sviluppati dei moduli formativi accessibili online a tutta la popolazione nel formato del MOOC - Massive Open Online Course: una metodologia didattica che consente di coniugare il cosiddetto ‘edutainment’ (imparare divertendosi) e l’ubiquità dell’informazione (i MOOC saranno accessibili ovunque e in qualunque momento, semplicemente attraverso un qualunque strumento informatico, come computer, smartphone o notebook). I moduli saranno tradotti nelle lingue di ciascun paese e adattati ai diversi contesti nazionali, e infine testati, validati e resi accessibili a tutti.
Punto di forza del progetto è la natura composita del consorzio, che comprende enti/associazioni con diversa expertise (sanitaria, tecnologica, ingegneristica, economica, di ricerca e comunicazione digitale, etc.) che collaboreranno in rete per rispondere al meglio alle esigenze e caratteristiche della popolazione di ciascuno dei Paesi coinvolti.

AREA DI INTERVENTO
8 paesi europei (Belgio, Danimarca, Estonia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Italia e Spagna)

Il progetto è finanziato dall’Unione Europea, nell’ambito del bando "IC-Health - Horizon 2020"

PARTNER
Governo di Gran Canarie - Università cattolica di Louvain - Università di Udine - Università di La Laguna - Università dell’Ulster - Università di Tallin - Università di Las Palmas - Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) - ScanBalt fmba - Ospedale Pediatrico Meyer - Consulta Europa - Health England Education - European Health Management Association.

PER INFO

Scrivi a alessia.montanari@ccm-italia.org