TONJ, SUD SUDAN

Nelle scuole di Tonj crescere è un problema

29 novembre 2017

di Francesca De Marco, capo progetto CCM a Tonj


Perdere almeno il 20% dell’istruzione scolastica a causa delle mestruazioni. Succede alle adolescenti dell’Africa Sub-sahariana, dove gli assorbenti sono un bene prezioso dalla reperibilità scarsissima. Il loro costo elevato, determinato dalla carenza di prodotti, fa sì che molte ragazze non possano permetterselo, costringendole a ricorrere a palliativi inutili che causano spesso infezioni: dagli stracci ai sacchetti di plastica, dalla corteccia ai fogli di giornale, arrivando addirittura alla sabbia.

Il ciclo mestruale, nel continente africano, rimane ancor oggi un argomento tabu del quale non è bene parlare, neanche fra madre a figlia, genera imbarazzo e porta all’isolamento sociale. È per questo motivo che, stando ai dati sull’igiene mestruale raccolti recentemente dall’Unicef, nell’intero continente africano una ragazza su dieci salta la scuola durante il ciclo mestruale. La percentuale sale fino al 40-50% nelle aree più povere dell’Africa Sub-sahariana. Tonj

Nella Kalkuel Primary School, in Sud Sudan, il problema dell’igiene mestruale allontana dalla scuola ogni giorno decine di ragazze. A raccontarcelo è May Ayien, la direttrice di questa scuola rurale che attualmente conta circa 560 studenti in totale, di cui un centinaio sono ragazze adolescenti. “Questa non è una storia nuova per molte giovani donne del Sud Sudan, essendo gli assorbenti in queste aree del mondo scarsamente accessibili, quindi costosissimi. Essendo un argomento delicato, inoltre, ci sono anche barriere culturali difficili da superare per aumentare la consapevolezza delle ragazze”.

La scuola di May Ayien è una delle strutture, nell’area di Tonj, che abbiamo raggiunto come partner del programma di salute primaria sviluppato dall’Health Pooled Fund in collaborazione con il Ministero della Salute Sud-Sudanese e Unicef.

La nostra azione qui mira a dotare circa 450 ragazze adolescenti di una fornitura adeguata di assorbenti, permettendo loro non solo di frequentare la scuola regolarmente ma anche di migliorare la loro vita, aumentarne l’autostima e riducendo la loro vergogna di essere povere.

Grazie alla nostra presenza nei centri sanitari della zona, identifichiamo quali potrebbero essere le ragazze in età scolare da aiutare e collaboriamo poi con le scuole per effettuare le distribuzioni. “Dall’inizio di quest’anno – sottolinea May Ayien – abbiamo avuto una media di sole 12 ragazze adolescenti frequentanti la scuola tutti i giorni. Ma da quando il CCM ha iniziato, a giugno, il suo programma, abbiamo visto che questo numero è cresciuto fino a raggiungere più di 80 ragazze presenti ogni giorno!”.

Mentre le distribuzioni continuano, il passo successivo è quello di lavorare sulla conoscenza. Per questo, con i dirigenti delle scuole come May Ayien, abbiamo iniziato ad organizzare incontri mensili per le ragazze nelle scuole, all’interno dei quali possano essere aiutate nella crescita senza sentirsi in imbarazzo.

Ancora molto deve essere fatto, soprattutto in connessione con le istituzioni locali per costruire le capacità degli insegnanti e dei genitori nel supportare le ragazze in una gestione adeguata dei loro cicli mestruali senza interrompere la loro frequenza scolastica.

Tu cosa puoi fare

  • Con 20 euro fornirai a 5 ragazze delle scuole di Tonj un kit con assorbenti lavabili.
  • Con 50 euro contribuirai a dare continuità agli incontri mensili di formazione e informazione con le ragazze.

Dona ora