Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e il nuovo impegno per il diritto alla salute

SDG.png

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile - OSS sono un nuovo gruppo di obiettivi, target e indicatori che, partendo dai risultati raggiunti dagli Obiettivi di Sviluppo del Millennio, definiscono le linee d’azione per la comunità internazionale in tema di sviluppo per il periodo 2016-2030.
Nel settembre 2015 le Nazioni Unite hanno approvato 17 OSS, all'interno dei quali l’OSS 3 - Realizzare condizioni di vita sana per tutti e a tutte le età - pone al centro la salute materna e infantile. In particolare, la campagna del CCM Sorrisi di madri africane si concentra sui sotto-obiettivi che intendono ridurre:
- il tasso di mortalità materna sotto 70 su 100.000 nati vivi;
- il tasso di mortalità neonatale sotto 12 su 1.000 nati vivi;
- il tasso di mortalità infantile fino ai 5 anni sotto 25 su 1.000 nati vivi.

Più in generale gli OSS cercano di affrontare le nuove sfide globali, influenzate da un mondo sempre più complesso, variabile e incerto. Alcuni importanti cambiamenti stanno infatti determinando transizioni economiche, ambientali, sociali, demografiche ed epidemiologiche a livello mondiale che hanno ricadute anche sulla salute.
È il caso della transizione ambientale che, a causa della deforestazione e dell’inquinamento del suolo e delle acque, è correlata alla mancanza di fonti di acqua potabile e di servizi igienici, causando malattie per circa la metà della popolazione residente nei Paesi a basso reddito.
La transizione epidemiologica, strettamente connessa alla riduzione della fertilità e all’aumento della speranza di vita, è caratterizzata dalla riduzione delle malattie infettive, della malnutrizione e della mortalità materna e infantile, ma da tassi crescenti di malattie non trasmissibili. Nei paesi dove la transizione epidemiologica si protrae a lungo, si verifica il fenomeno del doppio carico di malattia, con il permanere delle prime e l’arrivo delle seconde, creando una sfida ingestibile per i deboli sistemi sanitari di questi paesi. 

Oltre a questi cambiamenti, la campagna Sorrisi di madri africane deve considerare anche la stretta correlazione tra la salute della mamma e quella del bambino: donne e bambini sono esposti a sfide e problemi sanitari simili e interrelati, spesso collegati a fattori esterni quali la povertà, l’iniquità e la marginalizzazione.

Per rispondere alle nuove sfide e proseguire il proprio impegno nel garantire il diritto alla salute, la strategia del CCM sposa l'approccio integrato sulla Salute sessuale, riproduttiva, materna, neonatale, infantile e degli adolescenti (Sexual Reproductive Maternal Neonatal Child and Adolescent Health – SRMNCAH) elaborato dall’Organizzazione Mondiale per la Sanità – OMS. Un intervento multisettoriale e continuo che include la salute degli adolescenti e dei neonati per affrontare le questioni in un’ottica di continuum di cure nel corso della vita.

Approfondisci la strategia del CCM per tutelare la salute di mamme e bambini. 

Foto archivio CCM ©Fabio Bucciarelli, Sud Sudan 2012