Lotta alle grandi pandemie

2-grandi-pandemie-Marilena-Bertini.jpg

Interveniamo contro HIV/AIDS e tubercolosi, preveniamo e trattiamo la malaria, nella lotta condivisa alle grandi epidemie.

Per quanto riguarda l’HIV/AIDS, la nostra strategia si concentra fondamentalmente su quattro punti cardine: la prevenzione primaria del virus HIV nelle donne in età fertile, aumentando la loro consapevolezza sulla malattia, favorendo la diffusione e l’uso del preservativo e promuovendo l’eguaglianza di genere; la prevenzione di gravidanze indesiderate; la prevenzione della trasmissione dell’HIV da una donna infetta al suo bambino; la fornitura di cura e sostegno a donne e bambini durante il parto e nei primi giorni di vita.

Rafforziamo le competenze di comunità e operatori sanitari nelle attività di prevenzione e miglioriamo la capacità dei sistemi sanitari di raggiungere, identificare e trattare i pazienti affetti da HIV, tubercolosi e malaria. Per raggiungere il contenimento delle epidemie è necessaria un’azione sinergica di prevenzione e cura.

In Sud Sudan, nelle strutture sanitarie, le donne sono invitate dagli operatori ad aderire al controllo volontario tramite sedute di counselling individuale pre-test, test dell’HIV e counselling individuale post-test nel corso del quale ricevono i risultati. Nel caso in cui la donna lo desideri, il controllo volontario è disponibile anche per il suo partner. Tali sedute sono condotte da personale sanitario che ha ricevuto una formazione specifica.

In Italia il CCM si impegna nel contenimento delle nuove infezioni sia tra i migranti che tra i giovani italiani attraverso la realizzazione di sessioni di educazione sanitaria e la promozione delle competenze digitali in ambito di salute.