Chirurgia e medicina d'urgenza

3-chirurgia-e-medicina-durgenza-Silvio-Galvagno.jpg

Da anni siamo impegnati nel fornire una chirurgia di qualità a pazienti che non sarebbero altrimenti in grado di riceverla. Il nostro modello continua a essere una sanità gratuita in grado di garantire alti standard clinici dei singoli interventi e di promuovere la formazione di personale sanitario qualificato e lo sviluppo dei sistemi sanitari locali.

La già critica situazione sanitaria dei paesi è infatti ulteriormente aggravata dalla cronica carenza e disponibilità di chirurghi esperti. Le sfide che si incontrano in questi contesti sono numerose: l’equipe medica è spesso estremamente ridotta, frequentemente infatti gli interventi chirurgici, anche quelli più complessi, sono eseguiti da un unico operatore con la sola collaborazione di uno strumentista locale; gli strumenti a disposizione sono spesso inadeguati, come un letto operatorio e i ferri chirurgici lontani dai comuni standard; le strutture e i servizi precari, i ripetuti blackout ad esempio costringono a una difficile esecuzione dell’intervento.

Nonostante ciò, il CCM è consapevole della necessità di garantire continuità e sostenibilità a un servizio sanitario così importante. Per questo ci confrontiamo costantemente, in maniera critica e costruttiva, con le autorità sanitarie locali sui loro piani di sviluppo, e offriamo al personale locale formazione teorica e pratica affinché acquisisca le competenze utili a diventare autonomo e indipendente. In questo modo infermieri, tecnici e addetti all’igiene e alla pulizia, insieme al medico chirurgo permettono alla struttura e al servizio di funzionare e di essere sostenibile.

Nel 2017 la nostra azione si è concentrata su 19 distretti e 6 ospedali in Africa.