ACQUA E IGIENE

5-acqua-e-igiene-Sabina-Tangerini.jpg

La relazione tra acqua e salute sembra così ovvia da non dover essere nemmeno necessario esplicitarla. L'accesso alle cure conta per meno del 15% sul nostro patrimonio di salute. L'importante è – in Africa come altrove – non compromettere questo patrimonio di ricchezza. I rischi per la salute collegati all'utilizzo di acqua non potabile, contaminata da parassiti o insetti vettori di malattie, sono numerosissimi. Le malattie legate all'acqua sono diffuse quasi esclusivamente nei paesi a basso reddito ed ancora oggi, la diarrea causata spesso dall'utilizzo di acqua infetta, è la seconda causa al mondo di mortalità infantile, più di quanto facciano AIDS, malaria e TB messe assieme. Il fatto che sia prevenibile e curabile con mezzi semplici e poco costosi è un indicatore chiaro della situazione di povertà e di difficoltà dei paesi in cui si verificano queste morti. Più in generale si stima che le malattie legate alla mancanza di accesso all'acqua potabile o di servizi igienici adeguati causino la morte di almeno 2 milioni di persone ogni anno.
Il CCM interviene a sostegno delle popolazioni attraverso la costruzione di pozzi e pompe per l'approvvigionamento di acqua potabile e assicura la manutenzione degli impianti idrici, la riabilitazione e la costruzione di fognature e latrine. Inoltre dedica energie alle attività di formazione, sensibilizzazione ed educazione alle buone pratiche igienico-sanitarie coinvolgendo le comunità locali.

di Sabina Tangerini, antropologa e responsabile Educazione alla Cittadinanza Mondiale