Accesso all'acqua

photo © Fabio Bucciarelli

Nel mondo sono 748 milioni le persone (1 su 8) che vivono senza accesso all’acqua potabile. 2,5 miliardi sono senza servizi igienico-sanitari a causa di guerre e catastrofi naturali. (dati Oxfam 2017)

La situazione del Sud Sudan è particolarmente grave. Una guerra lunga decenni, carestie e siccità hanno aggravato negli anni una situazione già difficile che tocca la popolazione intera, in particolare le fasce più vulnerabili come donne e bambini, aumentando la diffusione di malattie. La gravità della situazione si riflette ad esempio negli alti tassi di mortalità per problematiche gastro-intestinali, soprattutto fra i bambini.

Il CCM vuole migliorare l'accesso all'acqua potabile e la presenza di servizi igienico-sanitari nell’area di Greater Tonj (Tonj East e Tonj South) e nello stato di Twic (Turalei Hospital). 

In particolare dal 2018, grazie al progetto in memoria del dott. Marco Sicuro, medico e volontario del CCM, è stata avviata un'azione di miglioramento dell'accesso all'acqua delle strutture sanitarie che curano e assistono la popolazione di Greater Tonj.

I servizi sanitari delle contee di Tonj East e Tonj South necessitano infatti di un'importante attività di ristrutturazione del sistema di approvvigionamento idrico, fondamentale per poter offrire un servizio di cura adeguato. Ad oggi infatti il 22% delle 23 strutture sanitarie non ha un accesso proprio ad una fonte di acqua pulita (a Tonj South, il 56% delle strutture è priva di una qualsiasi fonte di accesso all’acqua); il 43% manca di servizi igienici adeguati (il dato sale al 56% a Tonj South) e il 25% non dispone di acqua e sapone per lavarsi le mani.

Grazie alle donazioni in memoria di Marco Sicuro verrà garantita acqua pulita all'Ospedale di Tonj, unico punto di riferimento della zona per i servizi di emergenza, di cura neonatale e di chirurgia per i parti cesarei e la gestione delle emergenze ostetriche.

Sarà inoltre ripristinato il punto di accesso all'acqua del compound di Tonj, dove vive e lavora lo staff medico e tecnico del CCM e dove si appoggiano i medici volontari in missione.