Sud Sudan


Il CCM opera in Sud Sudan dal 1983, ed è in questo paese che concentra la maggior parte delle sue azioni.

Perché il Sud Sudan? Dal dicembre 2013, e cioè dall’inizio del conflitto interno che insanguina ancora il paese, la situazione è in continuo peggioramento. L’Humanitarian Response Plan 2017 stilato dall’ONU ha stimato che oltre 7 milioni e mezzo di persone (il 63% della popolazione) necessitano di assistenza umanitaria. Oltre 2 milioni di persone sono migrate negli ultimi anni nei paesi vicini.

A livello sanitario, il Sud Sudan dipende totalmente dall’aiuto internazionale. Basti pensare che l’80% delle strutture sanitarie funziona grazie al supporto della cooperazione. Gli investimenti minimi e le risorse umane carenti o con una preparazione inadeguata sono i problemi principali alla base del perdurare dello stato di emergenza nel settore sanitario.

A risentirne maggiormente sono le fasce più vulnerabili della popolazione, ovvero mamme e bambini. Il Sud Sudan registra attualmente il tasso di mortalità materna più alto al mondo, pari a 2.054 decessi ogni 100.000 nati vivi. Solo il 40% delle donne ha accesso a cure antenatali, e meno della metà di esse completa le 4 visite raccomandate prima del parto.

Accanto agli indici riguardanti la mortalità materna, a preoccupare di più sono quelli relativi alla malnutrizione. Il 16% della popolazione sud-sudanese vive in uno stato di malnutrizione acuta, e 11 delle 18 regioni amministrative del paese superano il livello critico di malnutrizione (pari al 15%).

I progetti del CCM in Sud Sudan sono concentrati sul potenziamento delle strutture di cura di Primo Livello (Unità di Salute Primaria – PHCU e Centri di Salute Primaria – PHCC) e di Secondo Livello (strutture ospedaliere). Le azioni vanno dall’assistenza tecnica fornita ai Dipartimenti di Salute a livello istituzionale fino ad attività di educazione e promozione della salute a livello comunitario, passando per i training effettuati allo staff sanitario e la fornitura di equipaggiamenti e medicine.

Dal 1983, il CCM ha implementato più di 100 progetti nelle aree rurali del Sud Sudan. Attualmente opera nell’area di Greater Tonj (Tonj East e Tonj South) e nello stato di Twic (Turalei Hospital). Supporta 3 ospedali, 4 Centri di Salute Primaria – PHCC e 17 Unità di Salute Primaria – PHCU.

Il suo intervento ha l’obiettivo di contribuire al raggiungimento degli obiettivi del Piano di Sviluppo del Dipartimento della Salute sud-sudanese 2016-2018.



Progetti conclusi