Etiopia

L’Etiopia è al 174esimo posto su 188 paesi in base all’Indice di Sviluppo Umano (Human Development Index 2017 stilato dallo United Nations Development Programme).

È fra i paesi più poveri al mondo e registra un reddito pro capite di 1,5 dollari all’anno. Il 33% della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà (e cioè con meno di 2 dollari al giorno); il 40% ha meno di 14 anni. L’aspettativa di vita si ferma a 64 anni. (dati Human Development Report 2016).

Il CCM è in Etiopia dal 1982 e attualmente è presente in diverse aree:  Tigray, Amhara, Bale, Liben Zone, e nella capitale Addis Abeba.

Il repentino incremento demografico, la povertà e le carenze del sistema sanitario etiope sono i principali problemi che attualmente ci troviamo a dover fronteggiare. Da questi, si generano gravi disagi sociali che coinvolgono soprattutto mamme, bambini e adolescenti, e che portano a:

  • elevata mortalità materna: ogni 100.000 parti sono 412 le mamme che non sopravvivono;
  • elevata mortalità infantile e neonatale: 48 neonati su 1.000 non superano il primo anno di vita; di questi 29 muoiono nel primo mese;
  • estesi movimenti migratori sia in uscita che in entrata. L’Etiopia ha registrato a metà 2017 oltre 830mila sfollati dai paesi vicini; 258mila sono invece i migranti che si sono spostati internamente al paese dal gennaio 2017.

I nostri progetti in Etiopia si sviluppano in tre aree principali.

  • Supporto al sistema sanitario attraverso formazione e sostegno tecnico allo staff a differenti livelli: Health Post, Health Center e ospedali. Potenziamento delle infrastrutture e degli equipaggiamenti.
  • Sensibilizzazione delle comunità locali sui servizi di salute e promozione di buone pratiche di prevenzione e cura a livello familiare e comunitario.
  • Capacity Building dello staff sanitario a livello comunitario, locale e regionale.