Convegni e Seminari

Il Convegno Scientifico è un appuntamento annuale del CCM in collaborazione con esperti nazionali e internazionali che dibattono e approfondiscono un argomento di salute globale sul quale vengono anche presentati casi ed esperienze concrete e innovative.

L’edizione 2020 è dedicata a “Alimentazione, salute e ambiente – L’impatto della dieta sull’insorgenza delle malattie non trasmissibili e sull’ambiente”, un argomento sempre più centrale ormai in ogni parte del mondo.

Entro il 2025 l’OMS ha invitato Stati e Organizzazioni ad impegnarsi per ridurre del 25% la mortalità e la morbilità delle malattie non trasmissibili. Fondamentale per raggiungere questo obiettivo è porre attenzione all’alimentazione per prevenire e curare molte di tali patologie. L’alimentazione umana riveste anche un ruolo fondamentale per la sopravvivenza del pianeta: un esempio è il legame tra eccessivo uso di carne bovina con il riscaldamento globale, peggiorato dai gas serra prodotti dagli allevamenti intensivi diffusi per soddisfarne l’alta richiesta.

 

Il Convegno si terrà il 3 novembre 2020, dalle 9,00 alle 17,00, a Torino presso la sede dell’OMCEO – Villa Ruby, Corso Francia 8.

La partecipazione è gratuita con iscrizione obbligatoria entro il 28 ottobre 2020 su www.formazionesanitapiemonte.it

Con ECM

Per maggiori informazioni: formazione@ccm-italia.org

 

 

 

In accordo con le disposizioni vigenti per la prevenzione della diffusione del Covid-19, il Convegno si svolgerà in presenza con posti in sala ridotti a n. 30 partecipanti e on line su piattaforma Zoom.

Il Convegno Scientifico è un appuntamento annuale del CCM in collaborazione con esperti nazionali e internazionali che dibattono e approfondiscono un argomento di salute globale sul quale vengono anche presentati casi ed esperienze concrete e innovative.

L’edizione 2020 è dedicata a “Alimentazione, salute e ambiente – L’impatto della dieta sull’insorgenza delle malattie non trasmissibili e sull’ambiente”, un argomento sempre più centrale ormai in ogni parte del mondo.

Entro il 2025 l’OMS ha invitato Stati e Organizzazioni ad impegnarsi per ridurre del 25% la mortalità e la morbilità delle malattie non trasmissibili. Fondamentale per raggiungere questo obiettivo è porre attenzione all’alimentazione per prevenire e curare molte di tali patologie. L’alimentazione umana riveste anche un ruolo fondamentale per la sopravvivenza del pianeta: un esempio è il legame tra eccessivo uso di carne bovina con il riscaldamento globale, peggiorato dai gas serra prodotti dagli allevamenti intensivi diffusi per soddisfarne l’alta richiesta.

 

Il Convegno si terrà il 3 novembre 2020, dalle 9,00 alle 17,00, a Torino presso la sede dell’OMCEO – Villa Ruby, Corso Francia 8.

La partecipazione è gratuita con iscrizione obbligatoria entro il 28 ottobre 2020 su www.formazionesanitapiemonte.it

Con ECM

Per maggiori informazioni: formazione@ccm-italia.org

In accordo con le disposizioni vigenti per la prevenzione della diffusione del Covid-19, il Convegno si svolgerà in presenza con posti in sala ridotti a n. 30 partecipanti e on line su piattaforma Zoom.

La sicurezza alimentare quale presupposto per la realizzazione dei diritti della persona sul piano internazionale sottintende l’accesso a costi ragionevoli a cibo nutritivo in quantità adeguate su scala pressoché universale (“… enough, nutritious and affordable food”). Si tratta di una concezione della sicurezza sia qualitativa sia quantitativa.

Pia Acconci, Docente di Diritto Internazionale UniversitĂ  di Teramo

Alla fine del XXI secolo, persistendo le tendenze attuali, almeno la metà delle specie viventi eucariote che in età preindustriale abitavano il pianeta si sarà estinta. Il crollo della biodiversità ha correlazioni importanti anche con pratiche scriteriate e non sostenibili connesse con la produzione di cibo. Esempi emblematici sono le problematiche legate alla deforestazione, alla desertificazione e all’overfishing.

Franco Correggia, Consulente Scientifico Naturalista.

 

L’allattamento al seno, fondamentale per la salute del bambino e rilevante per la salute del pianeta. Potrebbe salvare la vita di 830.000 bambini sotto i 5 anni, ogni anno, nel mondo in particolare nei Paesi a Basso Reddito. E inoltre, ogni madre che allatta per i primi sei mesi evita l’emissione di un quantitativo di CO2 tra i 95 a 153 kg.

Luisa Mondo, Dirigente Medico I° livello Servizio Regionale di Epidemiologia dell’ASLTO3 EPI Piemonte

 

Cosa differenzia un cibo sano da uno spazzatura? Sale e zucchero sono davvero nemici della salute oltre che della forma? Come studiare una dieta bilanciata in base al proprio metabolismo e al proprio dispendio calorico? L’alimentazione è sempre più centrale per essere sani e per stare bene con sé stessi.

Francesca Lorenzin, Medico Gastroenterologo e Dietologo

 

Come affrontare un mondo di comunicazione compressa con responsabilità da parte di tutti i player: media, brand, realtà scientifiche, istituzionali, politiche e lettori?

Soprattutto se si trattano questioni di vitale importanza come il cibo, l’ambiente, l’alimentazione. Tematiche strettamente connesse alla salute e al benessere degli umani, del pianeta  e degli ecosistemi che li ospitano.

Nicoletta Polliotto, Consulente di Food&Restaurant Digital Marketing

 

La sicurezza alimentare quale presupposto per la realizzazione dei diritti della persona sul piano internazionale sottintende l’accesso a costi ragionevoli a cibo nutritivo in quantità adeguate su scala pressoché universale (“… enough, nutritious and affordable food”). Si tratta di una concezione della sicurezza sia qualitativa sia quantitativa.

Pia Acconci, Docente di Diritto Internazionale UniversitĂ  di Teramo

Alla fine del XXI secolo, persistendo le tendenze attuali, almeno la metà delle specie viventi eucariote che in età preindustriale abitavano il pianeta si sarà estinta. Il crollo della biodiversità ha correlazioni importanti anche con pratiche scriteriate e non sostenibili connesse con la produzione di cibo. Esempi emblematici sono le problematiche legate alla deforestazione, alla desertificazione e all’overfishing.

Franco Correggia, Consulente Scientifico Naturalista.

L’allattamento al seno, fondamentale per la salute del bambino e rilevante per la salute del pianeta. Potrebbe salvare la vita di 830.000 bambini sotto i 5 anni, ogni anno, nel mondo in particolare nei Paesi a Basso Reddito. E inoltre, ogni madre che allatta per i primi sei mesi evita l’emissione di un quantitativo di CO2 tra i 95 a 153 kg.

Luisa Mondo, Dirigente Medico I° livello Servizio Regionale di Epidemiologia dell’ASLTO3 EPI Piemonte

Cosa differenzia un cibo sano da uno spazzatura? Sale e zucchero sono davvero nemici della salute oltre che della forma? Come studiare una dieta bilanciata in base al proprio metabolismo e al proprio dispendio calorico? L’alimentazione è sempre più centrale per essere sani e per stare bene con sé stessi.

Francesca Lorenzin, Medico Gastroenterologo e Dietologo

 

Come affrontare un mondo di comunicazione compressa con responsabilità da parte di tutti i player: media, brand, realtà scientifiche, istituzionali, politiche e lettori?

Soprattutto se si trattano questioni di vitale importanza come il cibo, l’ambiente, l’alimentazione. Tematiche strettamente connesse alla salute e al benessere degli umani, del pianeta  e degli ecosistemi che li ospitano.

Nicoletta Polliotto, Consulente di Food&Restaurant Digital Marketing

 

Scopri la proposta FAD con l’Università di Ivrea

 

Iscrizioni e informazioni

3 novembre 2020 – dalle 9,00 alle 17,00 –

SALA CONFERENZE – VILLA RUBY (SEDE OMCEO) CORSO FRANCIA 8, TORINO

Capienza della sala ridotta in base alle disposizioni per la prevenzione della diffusione del Covid-19.

Partecipazione gratuita. Iscrizione obbligatoria.

Il Comitato Collaborazione Medica è un’associazione che da 50 anni coinvolge medici, personale sanitario e comunità, in Africa e in Italia, per promuovere e assicurare il diritto alla salute, a tutti.

Sorrisi di madri africane è la campagna del Comitato Collaborazione Medica.

Indirizzo

Via Ciriè 32/E - 10152 Torino

Telefono

011 66 02 793 - 351 911 88 04