SUD SUDAN

La storia di Bek Akot. Una borsa di studio può fare la differenza

15 Marzo 2019

La storia di Bek inizia nel piccolo villaggio di Kongorr, nella zona di Tonj. Qui, ha toccato con mano l’importanza di avere un piccolo dispensario all’interno della sua comunità per far fronte ai problemi di salute di moltissime persone. Questa sua attenzione sarà il filo conduttore del suo percorso.

La presenza nella famiglia di uno zio facoltoso, ha permesso a Bek di frequentare la scuola e di terminare le superiori. Oggi Bek, con passione e determinazione, sta frequentando il corso di formazione a Wau per diventare clinical officer  (una figura intermedia tra quella dell’infermiere e del medico) grazie ad una borsa di studio stanziata dal CCM con i fondi raccolti in memoria del Prof. Giuseppe Meo, mancato nel gennaio 2013.

Il Professor Giuseppe Meo è stato fra i medici che nel 1968 hanno fondato il CCM convinti che la salute e l’accesso alle cure di base dovessero essere diritti garantiti anche alle persone più vulnerabili dei paesi più poveri. Medico volontario per molti anni in Sud Sudan, ha sempre rimarcato l’importanza “di dare dignità alle persone insegnando loro un mestiere, perfezionando le competenze professionali”, in altri termini di “costruire capacità”. Con questa borsa di studio il CCM prosegue in questo impegno e nel rafforzamento delle capacità e competenze del personale sanitario locale, di cui Pino Meo è stato convinto sostenitore.

Aiutaci a formare sempre più operatori sanitari

Nella zona di Tonj il CCM supporta due Ospedali, quello di Tonj e di Maria Lou, e più di 20 centri di salute primaria.

La capacità degli operatori sanitari è fondamentale per salvare molte vite: devono saper riconoscere le malattie, curarle nel migliore dei modi e rispondere in tempo alle possibili complicanze.

Il primo tirocinio di Bek si è svolto nell’ospedale di Marial Lou, una delle strutture supportati dal CCM nella zona di Tonj. Una prima esperienza importante che ha messo alla prova le sue capacità di fronte alla realtà di corsia: “Sono davvero felice dell’esperienza fatta, lo staff dell’ospedale è stato molto collaborativo. Mi piacerebbe tornare a lavorare all’Ospedale di Marial Lou quando terminerò il corso, nel frattempo ho cercato di imparare il più possibile dai colleghi più esperti nelle due settimane che ho passato lì.

Il Dottor Yel, Direttore Sanitario dell’Ospedale, descrivendoci la situazione di carenza di personale all’interno della struttura sanitaria, ha trovato in Bek un prezioso aiuto e soprattutto un esempio per tutto lo staff: “È stato un ottimo esempio per il resto dello staff. Abbiamo lavorato molto per incoraggiare il nostro staff a terminare le scuole superiori e ottenere delle qualifiche professionali e avere Bek qui ha mostrato a tutti che se si lavora sodo si può davvero fare la differenza”.

Grazie alla borsa di studio Bek potrà ottenere la qualifica professionale e portare le sue competenze al servizio della comunità. Noi continueremo a raccontare la sua esperienza e a seguirlo negli ultimi due anni di formazione!

Sfoglia i nostri racconti

Storie di donne che vivono la sfide di essere madre, in Africa e in Italia. Storie di bambini che possono ricevere tutte le cure di cui hanno bisogno. Storie di medici, infermieri, ostetriche e operatori sanitari che si formano per garantire servizi di qualità.
Storie di persone che hanno deciso di dedicare il proprio tempo e le proprie competenze agli altri.

Commenti all’articolo

0 commenti

Invia un commento

Il Comitato Collaborazione Medica è un’associazione che da 50 anni coinvolge medici, personale sanitario e comunità, in Africa e in Italia, per promuovere e assicurare il diritto alla salute, a tutti.

Sorrisi di madri africane è la campagna del Comitato Collaborazione Medica.

Indirizzo

Via Ciriè 32/E - 10152 Torino

Telefono

011 66 02 793 - 351 911 88 04